Aguirre, furore di Dio

La spedizione degli avidi e violenti “conquistadores” nell’America centrale, durante i primi anni del 1500. Un gruppo di soldati, staccatisi dal gruppo di Pizarro, parte alla ricerca del mitico El Dorado, guidati dal luogotenente Aguirre, un essere sanguinario, eccitato dalla sete di potere. Il gruppo scende il fiume sopra una zattera, attaccato dagli indigeni, dalle fiere, dai cannibali. Aguirre non si ferma davanti a niente e a nessuno…
Idea Centrale
Tutto il film è una forte polemica contro il colonialismo, l’imperialismo e la dittatura.
Analisi
“Una splendida parabola sulla tragica ed esaltata follia di un uomo che non si vuole sottomettere alla natura, preferendo piuttosto cadere sotto i suoi colpi”. La megalomania delirante del protagonista si intreccia con il ritratto di una natura lussureggiante e mortifera, destinata a inghiottire chi ha osato sfidarla. Kinski è un Aguirre superbo nell’orrore, un autentico genio del male.
Note e curiosità
Le riprese furono dure e spossanti ed il regista arrivò a minacciare con il fucile Kinski perché non abbandonasse il set e continuasse il film. (Da i “201 film capolavoro secondo la critica” di Gaetano Sandri)
This entry was posted in Approfondimenti e attualità, Storia - classe III. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s